You are here: HomeBlogIl primo Bagnetto. Istruzioni per i nuovi genitori.

Newsletter

Resta in Contatto con Sophie!

Il primo Bagnetto. Istruzioni per i nuovi genitori.

blog

Per le prime due settimane di vita è consigliabile evitare il bagnetto al neonato.  In queste fasi è preferibile lavarlo accuratamente, ma senza bagnare il moncone del cordone ombelicale da cui si originerà l’ombelico. 

Bisogna, infatti, attenderne la caduta, che avviene in genere intorno ai 10-15 giorni di vita. Il bagnetto al neonato è controindicato perché l’acqua ostacola la cicatrizzazione dei tessuti e potrebbe così ritardarne la caduta o favorire la comparsa di un’infezione. Si può allora lavarlo sotto l’acqua corrente sfruttando direttamente il getto del rubinetto (sulle varie parti del corpo, come sederino, piedini e gambe) con acqua tiepida. In attesa che arrivi il momento di fare il bagnetto al neonato, può essere utile usare un detergente oleoso specifico per neonati da applicare con un batuffolo di cotone da buttare dopo l’uso.

 

Le regole per il bebè

Per il neonato, esistono regole precise per il bagnetto. Una volta cresciuto, tutto diventa più facile e il bagnetto dei bimbi

è soprattutto un momento ludico. Per il bebè sono da preferire le apposite vaschette di materiale plastico, non solo più comode per mamma e piccolo ma anche più facilmente lavabili e disinfettabili, allo scopo di garantire igiene e sicurezza. La temperatura dell’acqua deve essere intorno ai 37° C, come quella del corpo, da misurare con gli appositi termometri da bagno, mentre quella della stanza non dovrebbe mai scendere al di sotto dei 20° C. Nell’acqua va disciolto un detergente oleoso o cremoso anallergico e specifico per bimbi piccoli.

 

Una pelle super delicata

Il bagnetto, indispensabile gesto d’igiene, diventa anche un momento critico per la salute della sua cute. La pelle del neonato è molto fragile: le fibre di collagene ed elastina, che danno sostegno e forza alla cute, sono poco sviluppate e manca del tutto il film idrolipidico, quello strato di grasso che difende dalle aggressioni esterne. Molto sottile e poco protetta, tende a inaridirsi e a irritarsi con facilità. Per questo vanno usati i detergenti specifici dalle formule super-delicate.

 

Non più di dieci minuti

Non esiste un’ora specifica e valida per tutti per il bagnetto: in genere, è preferibile la sera, prima dell’ultima poppata, perché il bimbo si rilassa e si addormenta con maggior facilità. Fare il bagnetto è un’esperienza in genere molto gradita al piccolo ma deve durare lo stretto necessario, non più di dieci minuti, allo scopo di limitare eventuali possibili desquamazioni della pelle.

 

Sostenere la testa

Quando si immerge il bebè nell’acqua occorre sempre sostenere con una mano il collo e la testa del piccolo, poiché non è ancora in grado di farlo da solo. Con l’altra mano si può lavare il pancino, i piedini e le gambine. Con una spugna imbevuta di acqua e detergente, è bene massaggiare con delicatezza la testa, facendo attenzione a non far colare l’acqua negli occhi. Per ultimo, è bene girare il piccolo, facendogli appoggiare il pancino sul proprio avambraccio e con l’altra mano lavargli la schiena.

Last modified on Thursday, 16 April 2015 12:04
Rate this item
(0 votes)

Contatti Vulli Italia

Vulli Italia - Vivieco Srls

contact
Via Scolivigne 2/a
50012, Bagno a Ripoli
+39 - 0550517928
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
www.vivieco.it

Post Recenti

  • Sophie la Giraffa
    La Semplice storia di una giraffina nata il 25 Maggio del 1961, il giorno di Santa Sofia. Arriva in Italia Sophie, la giraffa da mordicchiare…
    Written on Wednesday, 20 June 2012 02:12

Le Nostre Collezioni.

Una gamma completa di prodotti che copre tutte le esigenze specifiche del neonato in tutte le ore del giorno e della notte, seguendolo nelle fasi della sua crescita.